Ciao Glimpse: cessa definitivamente lo sviluppo del fork di GIMP

    0

Glimpse è un progetto nato, un po’ inaspettatamente, a novembre 2019 come fork di GIMP. Il bello del mondo open è che chiunque può partire da un software ed evolverlo come meglio crede. A volte però si esagera e sinceramente nessuno sentiva l’esigenza di un fork di GIMP, che viene attualmente sviluppato senza problemi. Glimpse nasce per avere un software con un nome meno problematico rispetto a GIMP che, nel gergo americano, viene usato per insultare un individuo incapace di fare qualcosa (e.s. “disabile”).

Nei primi mesi di vita Glimpse è stato oggetto di diversi rilasci e addirittura il team di sviluppo sembrava volersi staccare da GIMP con l’obiettivo di creare un editor di immagini di nuova generazione, con una UI rinnovata: Glimpse NX. Purtroppo, almeno per ora, nulla di tutto ciò accadrà.

Glimpse chiude

glimpse nx gimp

In un post sul blog ufficiale il fondatore del progetto, Bobby Moss, spiega i motivi per cui si sente incapace di continuare a guidare il progetto. La pandemia in corso ha portato incertezza economica, riducendo i contributori di Glimpse.

Nella seconda metà del 2020, eravamo solo io (Bobby Moss, ndR) e un paio di collaboratori esterni a lavorare su Glimpse. Gli altri collaboratori  erano occupati a cercare di avviare il progetto Glimpse NX come previsto. Il nostro problema non era la mancanza di contributi finanziari o di utenti, perché il progetto era ancora in crescita. Non riuscivamo a trovare collaboratori disposti a intensificare e aiutare con attività di supporto, come moderare i canali di comunicazione, individuare i bug, risolvere i problemi di pacchettizzazione, lavorare con i contributori di GIMP, monitorare i nostri account sui social media, gestire i server, testare / documentare le nuove versioni e rispondere alle domande degli utenti. Di conseguenza, abbiamo faticato a ridimensionare il progetto per soddisfare la crescente domanda.

La mazzata al progetto l’ha data lo stesso fondatore, che a febbraio di quest’anno ha deciso di abbandonare.

A causa di questi problemi Glimpse si è trasformato per me in un vero e proprio lavoro part-time non retribuito, oltre al mio vero lavoro a tempo pieno. I miei datori di lavoro hanno iniziato a sollevare dubbi circa il mio eccessivo impegno su Glimpse, che mi distoglieva dal mio “vero” lavoro. Inoltre, avevo così tanto lavoro di supporto da fare che raramente avevo abbastanza tempo per lavorare effettivamente sullo sviluppo di Glimpse. Questo è il motivo per cui ho fatto molti progressi verso Glimpse 0.2.2, ma poi non l’ho mai rilasciato.

“Possiamo essere orgogliosi di ciò che abbiamo raggiunto”, aggiunge Moss.

Abbiamo dimostrato che esiste una richiesta per un fork di GIMP. Abbiamo superato con successo una tempesta di quattro mesi di critiche immeritate nel 2019, prima ancora di aver prodotto la nostra prima release.

Poiché questo progetto non viene più sviluppato, e quindi non ha più alcun costo da coprire, la campagna Open Collective e il canale GitHub Sponsor verranno chiusi entro la fine del mese. Il codice sorgente modificato continuerà a essere disponibile per la revisione su GitHub.

Il codice resta disponibile

Se attualmente usate Glimpse potete continuare a farlo senza problemi. Ricordate solo che non saranno prodotti ulteriori aggiornamenti e se trovate qualche bug, beh, non ci sarà nessuno pronto a risolverlo. Moss ha lasciato una porta aperta al futuro:

È difficile per noi prevedere se e quando il progetto Glimpse tornerà. Ci sono troppi fattori in gioco in questo momento e non vogliamo fuorviare nessuno o diffondere false speranze.

Una domanda sorge spontanea: non sarebbe stato meglio concentrare questi sforzi nello sviluppo di GIMP?

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

L’articolo Ciao Glimpse: cessa definitivamente lo sviluppo del fork di GIMP sembra essere il primo su Linux Freedom.

Clicca qui per andare alla fonte

Rispondi