Hello, apprezzamenti alla FOSDEM: la distro ispirata a MacOS prende forma!

    0

A due mesi e mezzo di distanza torno a parlarvi di Hello, una distribuzione open source basata su FreeBSD, per parlarvi dei passi in avanti fatti dagli sviluppatori. Per chi non sapesse cos’è Hello e volesse saperne di più vi rimando all’articolo di novembre. TLDR? A seguire un breve recap.

Possiamo creare un sistema BSD, open source, che sia accogliente per chi è abituato ad un Mac? Qualcosa che funzioni out-of-the-box senza la necessità di perdere ore a configurare il sistema? Hello vuole essere la distribuzione che risponde a questi requisiti. Si ispira ad alcuni principi fondamentali di macOS, mentre utilizza gli ingredienti Libre e semplifica le cose il più possibile. Gli sviluppatori hanno a cuore tre aspetti chiave: semplicità, eleganza e usabilità.

helloSystem: FreeBSD per tutti

Hello utilizza OpenZFS come file system mentre il desktop environment è Qt-based (si chiama helloDesktop) e presenta una dock e un global menu con icone allineate sulla destra. Il file manager si basa su PCManFM. A bordo troviamo una buona serie di app pre-installate tra cui LibreOffice, GIMP e Chromium. Falkon è il browser di default, non mancano un text editor Qt-based text e un terminale.

A proposito di app: tra i tanti aspetti che rendono questa distribuzione interessante troviamo sicuramente la gestione delle app. Le applicazioni su Unix sono tradizionalmente sparse per l’intero file system, con l’eseguibile principale in /usr/local/bin, i metadati in /usr/local/share/applications, le icone in /usr/local/share/icons… Hello semplifica l’approccio utilizzando i bundle .app. Una directory deve contenere l’applicazione e le risorse aggiuntive necessarie per la sua esecuzione. Questo meccanismo consente di produrre pacchetti di applicazioni completamente autonomi che non hanno dipendenze oltre al sistema di base. Ciò implica che è possibile avere diverse versioni della medesima app operanti in parallelo.

Hello 0.4

hello 0.4 freebsd

Da pochi giorni è stato rilasciato Hello 0.4, un mese dopo la v0.3. Si tratta ancora di alpha release, nulla di stabile, ma con enormi passi in avanti rispetto a quanto ho provato a novembre (v0.1). Vediamo quali sono le principali novità:

  • Configurazione dell’hardware (GPU) automatica grazie al tool initgfx
  • Migliorie dal punto vista dell’aspetto con un bootsplash più curato, finestre con bordi stondati
  • Cambia lo schema delle versioni (0.x.x e 0Cxxx per le build)
  • Primo supporto per HiDPI
  • Nuova utility per il logging e nuova app per la gestione del mouse
  • Wizard di benvenuto
  • Migliorata la documentazione
  • Sono in fase di sviluppo le seguenti app:
    • Disk First Aid per il recover dei dati da pool ZFS
    • Disk Utility
    • Energy Saving app
    • Network utility per la gestione della rete
    • Screencast
    • Simple Browser
    • Start Disk
    • Volume

Try this

La distro è sicuramente interessante, se ne è parlato anche durante la FOSDEM 2021. Volete provarla? Potete scaricare le immagini .isodalla pagina ufficiale su GitHub. Non fatevi spaventare: la prima installazione è molto semplice e immediata, come su un Mac. Inserisci il tuo nome, e il software propone automaticamente uno username per il tuo computer (nome host). Per ulteriori dettagli qui trovate un po’ di documentazione.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

L’articolo Hello, apprezzamenti alla FOSDEM: la distro ispirata a MacOS prende forma! sembra essere il primo su Linux Freedom.

Clicca qui per andare alla fonte

Rispondi