Linux Mint: Ecco come funzionerà la notifica degli aggiornamenti di sistema

    0
Puntuale come sempre anche questo mese torna il consueto post di Clement “Clem” Lefebvre sulle novità dal mondo di Linux Mint e Cinnamon. Questo aggiornamento mensile si concentra sulla funzionalità di notifica aggiornamenti e va a correggere il problema emerso lo scorso mese relativo agli utenti di Linux Mint che non applicano gli aggiornamenti di sistema.
Le statistiche recentemente hanno mostrato un grave problema: molti utenti non eseguivano gli aggiornamenti di sistema. Il modo in cui altri sistemi operativi gestiscono gli aggiornamenti è costringendo i propri utenti a farlo o frustrandoli e infastidendoli finché non lo fanno.
Per risolvere questo problema, dopo aver ascoltato il punto di vista e i suggerimenti degli utenti di Linux Mint, il team di sviluppo ha progetto un sistema di notifica che funge da promemoria senza infastidire gli utenti:

La notifica potrà essere ignorata. Se decidiamo di ignorare la notifica questa verrà posticipata di 2 giorni. Quando vengono applicati gli aggiornamenti scompare per molto tempo. 
Questo comportamento predefinito può essere configurato dagli utenti esperti dalle impostazioni di sistema:
Qui è possibile personalizzare le notifiche

Per impostazione predefinita, Update Manager mostra una notifica se un particolare aggiornamento è disponibile da più di 7 giorni dal login o se è più vecchio di 15 giorni di calendario. Questi valori possono essere configurati fino a 2 giorni (per le persone che desiderano più notifiche) o fino a 90 giorni (per le persone che vogliono meno notifiche).
Per impostazione predefinita, Update Manager considera anche gli aggiornamenti della sicurezza e del kernel come rilevanti per le notifiche, ma è possibile modificarlo.
L’ultima impostazione è un periodo di grazia. Se un aggiornamento è stato applicato sul nostro computer negli ultimi 30 giorni, sia tramite Update Manager che tramite un altro software APT, non verrà mostrata alcuna notifica.

Clicca qui per andare alla fonte

Rispondi