Pine64 annuncia il PineNote, un tablet Linux e-ink con supporto alle penne Wacom

    0

Pine64, la società nota ai più per il Pinebook Pro e il PinePhone, ha annunciato il PineNote, un dispositivo e-ink di fascia alta basato sul Quartz64, il single board computer da loro sviluppato e annunciato qualche mese fa.

Le specifiche hardware del PineNote

Il PineNote è uno dei, se non il,dispositivo e-ink più potente disponibile sul mercato. Condivide gran parte del pedigree del Quartz64, sfoggiando lo stesso SoC quad-core A55 RK3566 abbinato a 4 GB di RAM LPDDR4 e memoria flash eMMC da 128 GB. Il PineNote è inoltre dotato di due microfoni e due altoparlanti, una porta USB-C per ricarica rapida e dati, nonché WiFi AC 5Ghz. 

Il telaio interno del PineNote è realizzato in una lega di magnesio (simile allo chassis esterno del Pinebook Pro), che garantisce una costruzione robusta, mentre la parte posteriore presenta una cover posteriore in plastica con ritagli per altoparlanti . Il pannello e-ink è ricoperto da un vetro temprato antigraffio e anti abbagliamento. Lo spessore è di poco più di 7 mm.

Il PineNote

L’interno del primo prototipo del PineNote

l pannello e-ink è da 10,3 pollici, con rapporto di forma 3:4, una risoluzione di 1404×1872 (227 DPI) e può visualizzare 16 livelli di scala di grigi. È dotato di una luce frontale con regolazione della luce da fredda (bianca) a calda (ambra) per illuminare il pannello anche al buio. 

Il display è di tipo capacitivo con supporto alla tecnologia a risonanza magnetica (EMR) Wacom per l’input sia con le dita che con le penne EMR.

Il software che farà girare il PineNote

Per quanto riguarda il software, gran parte del lavoro per eseguire un’installazione Linux sul PineNote è già stato completato grazie allo sviluppo fatto su Quartz64. Tuttavia, il driver del pannello e-ink molto probabilmente non funzionerà al momento del rilascio del dispositivo. I lotti iniziali verranno probabilmente forniti con Manjaro compilato sul kernel BSP 4.19, a meno che gli sviluppatori non riescano a far funzionare il driver con il kernel 5.XX nei prossimi mesi. 

Per quanto riguarda l’interfaccia utente effettiva, il team di Pine64 sta lavorando con la community di KDE e insieme stanno cercando di capire se Plasma Mobile o Plasma normale (con modifiche specifiche del pannello ovviamente) saranno la soluzione migliore per questo particolare dispositivo.

Disponibilità a prezzi

Il PineNote sarà disponibile per i primi utenti entro la fine dell’anno ad un prezzo di $ 399. I primi fortunati riceveranno in omaggio una cover magnetica (che funziona con un sensore di bordo integrato, mettendo il dispositivo in modalità di sospensione) e la penna EMR. 

Cover e penna del PineNote

Successivamente sia la copertina che la penna saranno vendute separatamente.

Clicca qui per andare alla fonte

Rispondi