Rilasciato GIMP 2.99.2

    0

Il team di sviluppo di GIMP ha annunciato il rilascio di GIMP 2.99.2, il primo passo verso GIMP 3 che sarà basato sul toolkit GTK3.

Le novità principali di questa nuova versione sono:

  • Interfaccia utente basata sulle GTK3, con supporto nativo per Wayland e HiDPI
  • Refactoring e pulizia del codice
  • Nuova API per i plug-in
  • Ora è possibile realizzare plugin con i linguaggi Python 3, JavaScript, Lua e Vala
  • Miglioramenti nella gestione dello spazio colore
  • Render caching per migliorare le prestazioni

Interfaccia utente basata su GTK3

La prima differenza sarà visiva. GIMP ha ora un aspetto un po’ più moderno e può anche utilizzare alcuni nuovi widget (invece di svilupparli nuovamente su GTK2) così come le decorazioni delle finestre lato client su varie finestre di dialogo. Ma le differenze estetiche sono lontane dall’essere l’attrattiva principale di GTK3.

Display ad alta densità di pixel

Uno dei problemi principali di GTK2 era l’assenza del supporto per schermi ad alta densità di pixel (es. Schermi piccoli ad alta risoluzione o schermi grandi ad altissima risoluzione) il cui uso è diventato più diffuso, soprattutto tra i professionisti della grafica. GIMP 2.10 è stato fornito con una soluzione alternativa parziale che era accettabile solo in alcuni casi limitati ma non era davvero appropriata per un uso intenso del software.

Le GTK3 consentiranno a GIMP di poter seguire le impostazioni di scala impostate dal sistema operativo.

Supporto per dispositivi di input migliorato

Per “dispositivo di input” si parla principalmente di tavolette da disegno o display interattivi. In GIMP 2, il loro supporto aveva molti difetti: dovevamo collegare il tablet prima di avviare GIMP, abilitare ogni nuovo dispositivo esplicitamente nelle impostazioni e, peggio, scollegare il tablet poteva portare all’instabilità del software (anche se questo problema è stato per lo più risolto su GTK2 dagli sviluppatori GIMP nella serie di rilascio v2.8).
GIMP 3 offre il supporto per hotplug, il che significa: avviamo GIMP e colleghiamo il tablet, fatto. Siamo pronti per disegnare, con pressione, inclinazione e tutto.
Gli sviluppatori stanno anche cercando di migliorare il supporto generale rendendo più facile impostare la configurazione avanzata dei dispositivi di input.

Theming

Con le GTK3 si eredita anche il formato per i temi basato su CSS. Sfortunatamente questo significa che tutti i temi personalizzati delle versioni precedenti saranno incompatibili con GIMP 3.0 e le versioni future. Il lato positivo è che questo nuovo formato per lo sviluppo di temi utilizza uno standard tematico molto noto. Questo dovrebbe rendere molto più semplice modificare l’interfaccia di GIMP in base alle nostre esigenze e preferenze.
Inoltre, i temi delle icone simboliche sono supportati molto meglio. Seguiranno i colori di primo piano e di sfondo del tema. Su GIMP 2.10, quando passavamo da un tema scuro ad uno chiaro, dovevamo cambiare manualmente le icone simboliche. Ciò non sarà più necessario su GIMP 3 poiché le icone simboliche verranno ricolorate in base al tema.

Supporto Wayland

Il porting alle GTK3 dovrebbe consentire il supporto a Wayland. Dovrebbe perché attualmente ci sono alcuni bug che sono in via di studio e risoluzione.

Selezione multistrato

Gestire un progetto complesso con decine e centinaia di livelli è ora molto più semplice grazie alla selezione multistrato appena aggiunta.
Selezione di 4 livelli per organizzarli o trasformarli contemporaneamente

API plug-in

Le API dei plug-in sono state modificate per introdurre diversi miglioramenti. Il porting di un plug-in a file singolo da GIMP 2.10 e GIMP 3 richiede in genera tra 5 e 30 minuti. Il team di sviluppo sta lavorando ad una documentazione per il porting da rilasciare insieme a GIMP 3.

Estensioni

Le estensioni sono un nuovo formato di file che è semplicemente un wrapper di dati (pennelli, schermate iniziali, pattern, dinamiche …) o plug-in, associati a metadati (nome, descrizione, screenshot, versione, requisiti …). L’obiettivo sarà quello di consentire agli sviluppatori di plug-in di pubblicare il proprio lavoro su repository affinché chiunque possa cercare plug-in di terze parti, installarli / disinstallarli, abilitarli / disabilitarli e aggiornarli, tutto all’interno di GIMP.

Space invasion

“Space invasion” è il nome in codice interno per il lavoro iniziato originariamente nel 2018 il cui obiettivo era il supporto adeguato dello spazio colore durante l’elaborazione dei pixel principali. Nella serie GIMP 2.10, nonostante il supporto della gestione del colore di base, i profili a volte andavano persi durante l’elaborazione di un’operazione e venivano reintrodotti solo sui risultati finali, il che in alcuni casi poteva causare valori errati.
Alcuni dei miglioramenti di questo lavoro sono già stati progressivamente trasferiti in varie versioni di GIMP 2.10.x, ma GIMP 3.0 dovrebbe essere il rilascio culminante in cui gli sviluppatori sperano di ottenere questo risultato corretto al 100%.

Render caching

GIMP 3 ora ha una cache di rendering che conserva il risultato del ridimensionamento, della gestione del colore, dei filtri di visualizzazione e della maschera della shell (per strumenti come Fuzzy Select). Ciò si traduce in un’esperienza utente molto più scattante rispetto alla versione GTK2 di GIMP .
Ora c’è anche un’impostazione della qualità dello zoom in Preferenze -> Schermo. Quando è impostato su Veloce, GIMP eseguirà un’interpolazione del vicino più vicino dal livello mipmap successivo più grande invece del filtro lineare o box. Questo dà una spinta leggera e permanente alla pittura e a tutti gli aggiornamenti. Il team di sviluppo ha anche alcune idee per migliorarlo ulteriormente, come il reblitting in alta qualità dopo un timeout.

Politiche di importazione migliorate

Criterio profilo colore ora mostra una nuova scelta “Converti in profilo preferito” e l’azione predefinita della finestra di importazione “Converti” convertirà l’immagine nel profilo preferito (se è stato impostato, altrimenti torna al profilo incorporato). La conversione al profilo integrato sarà ancora disponibile come azione secondaria. Se desideriamo lavorare sempre con un determinato profilo, possiamo impostare il nostro flusso di lavoro preferito non appena viene completata l’importazione.

Slider compatti

La scala di rotazione compatta è stata introdotta in GIMP 2.10.18. Nella serie 2.10, è stata lasciata come funzionalità opzionale che poteva essere disattivata nella finestra di dialogo Preferenze. In GIMP 3, questo è ora l’unico comportamento possibile, senza opzioni.

Refactoring

Durante il porting di vecchie funzionalità e l’implementazione di nuove, è stato fatto molto lavoro laterale sulla struttura del codice. Molte parti del codice base sono state modificate per una migliore manutenzione.

Clicca qui per andare alla fonte

Rispondi