Su CUPS, OpenPrinting e PAPPL

    0

Cosa sta succedendo a CUPS? Molti utenti in questi ultimi mesi si sono posti questa domanda. In questo post cerchiamo di fare chiarezza.

Da quando lo scorso Dicembre 2019 Michael Sweet, principale sviluppatore di CUPS nonché suo creatore, ha deciso di abbandonare Apple, CUPS ha ricevuto un solo commit. Questo in netto contrasto con l’attività negli anni precedenti quando avevamo una media di 350 commit all’anno.

Per chi non lo sapesse il Common Unix Printing System (CUPS) è un spooler di stampa modulare per sistemi operativi di tipo Unix ed è usato sia sui nostri sistemi operativi GNU/Linux che sui sistemi Apple.

Inizialmente creato da Michael Sweet nel 1997 per la sua azienda di software Easy Software Products, lo sviluppo è passato nelle mani di Apple nel luglio del 2007 quando Apple ha acquistato CUPS e assunto Micheal Sweet.

CUPS è stato costantemente mantenuto aggiornato sino a quando Micheal Sweet ha deciso di lasciare Apple nel dicembre del 2019. Successivamente Micheal Sweet ha deciso di entrare nel team di OpenPrinting, un fork di CUPS creato da Till Kamppeter come alternativa a CUPS nel caso in cui Apple cessasse lo sviluppo di CUPS.

Guardando i commit di Micheal Sweet sul repository di OpenPrinting è possibile notare come lo sviluppatore sia molto attivo dando numerosi contributi a OpenPrinting.

Michael Sweet non sono sta lavorando su OpenPrinting, ma si sta dedicando allo sviluppo di una nuova libreria, basata su C, chiamata Printer Application Framework (PAPPL). Si tratta di una nuova interfaccia con cui i driver interagiranno (lavorerà dunque su un livello sotto CUPS). Maggiori informazioni su PAPPL sono disponibili sul blog dello sviluppatore all’indirizzo https://www.msweet.org/pappl/ mentre il codice è disponibile su GitHub https://github.com/michaelrsweet/pappl.

Clicca qui per andare alla fonte

Rispondi